Hai scelto
Modifica le tue scelte
offerte e novità
Carta dei vini

Vini Nebbiolo

Il Nebbiolo é un vino roso che viene prodotto in Provincia di Cuneo in Piemonte. La tipicità di questo vino e la caratterizzazione che lo coniuga al territorio di provenienza gli ha permesso di potersi fregiare nel 1970 dell’importante certificazione DOC, Denominazione di origine Controllata.

 

La Provincia di Cuneo in cui viene prodotto questo fantastico vino rosso che nella specifica del DOC sorge in una circoscritta area a sud ovest del Piemonte, solcata dal fiume Tanaro, che comprende solo 25 comuni. La valle del Tanaro ha inizio sulle Prealpi a confine con la Liguria e con la Francia per immettersi quasi immediatamente, rallentando il suo corso, nella pianura padana, dove il corso lento e tortuoso, l’accumularsi dell’umidità e la protezione dei monti vicini dalle principali correnti ventose permette, specie l’autunno e nella stagione più fredda il formarsi di intense nebbie, che da sempre caratterizzano questi luoghi. Proprio in questo territorio nasce, infatti, un vitigno particolare che sin dall’antichità fu chiamato Nebbiolo sia per la spessa pellicola pruinosa che riveste gli acini del grappolo d’uva, in grado di alterarne il colore rosso, quasi nero, facendolo virare verso il colore grigio fumé. Sia a causa della lenta maturazione di questo vitigno che culmina a novembre inoltrato e che porta i viticultori a vendemmiare durante il periodo delle forti nebbie autunnali determinate dalle lanche del fiume Tanaro.

 

Nello specifico la vite di Nebbiolo è caratterizzata da una foglia verde intenso di media grandezza e con punte variabili in numero da tre a cinque, leggermente ricurve verso il basso alle estremità; caratteristica indispensabile per scaricare e far scivolare la condensa dell’acqua che si deposita su di esse quando vengono avvolte dalla nebbia. Il grappolo di uva a completa maturazione è di forma tubolare, leggermente alata nell’estremità superiore, molto compatto, fitto e robusto. Gli acini presi singolarmente sono di forma quasi perfettamente sferica, composti da una polpa rossa, molto dolce e succosa, ricca di saccarosio. La buccia invece, ricoperta da uno spesso strato pruinoso è di colore blu scuro tendente al viola, è abbastanza sottile ma molto resistente. La fioritura di questa vite è precoce in quanto già ad aprile è possibile vedere i primi germogli, mentre la maturazione è tardiva in quanto avviene a novembre tra la prima e la seconda settimana. Proprio quest’aspetto lo rende un vitigno delicato ed esposto alle mutazioni ambientali sia in termini metereologici sia in termini di temperatura clima mutevole in riferimento alla stagione di raccolta.

 

Altri vini che possono essere prodotti con questo vitigno, oltre al Nebbiolo d’Alba che puoi acquistare sula nostra enoteca on line sono: il Barolo, il Barbaresco, il Carema tutti vinificati al 100% mentre, anche con l’aggiunta di altre uve è possibile produrre: la Gattinara, l’Albugnano, il Canavese Nebbiolo, lo Sforzato di Valtellina, la Spanna e il Valtellina superiore. Infine è obbligatoria l’aggiunta di altre uve oltre a quella di nebbiolo per produrre: il Terre Alfieri, il Roero, il Fara, il Sizzano, il Boca, il Lessona, il Ghemme e il Bramaterra.

Dalla vite di nebbiolo, vinificata al 100% si produce il Nebbiolo d’Alba puro DOC il “principe” del Piemonte. Vino rosso di grande corpo, resistente nel tempo ed in grado di conservare le sue proprietà anche dopo alcuni anni. Il colore di questo eccezionale vino rosso è tendente al granato irreprensibile, elegante e raffinato. La fragranza espressa dal Nebbiolo d’Alba rimanda direttamente e senza ripensamenti al profumo del Lampone, della ciliegia a quello del geranio e della fragola selvatica, assieme agli odori delle spezie. Riconoscibile è la cannella e soprattutto la vaniglia. Il sapore è secco, vellutato e molto pastoso.

 

Il Nebbiolo può inoltre avvantaggiarsi di una forte caratterizzazione e struttura dove senza prevalere l’uno sull’altro, il grado alcolico, l’acidità e la vinosità si bilanciano alla perfezione pur essendo avvertite a tutto campo. Il grado alcolico di 12° è raggiunto dopo un invecchiamento minimo di 12 mesi.

 

L’aspetto culinario in abbinamento con il vino piemontese Nebbiolo DOC vede al primo posto, in quanto vino rosso di grande corpo e struttura, primi piatti robusti, come le tagliatelle e altra pasta all’uovo condita con tartufo o sugo di cacciagione. Anche i risotti con formaggi fusi e stagionati come ad esempio il Gorgonzola o con sugo di carne si sposano molto bene con il gusto del Nebbiolo d’Alba DOC. I secondi piatti che si coniugano in maniera ottimale con il vino rosso piemontese per eccellenza sono i bolliti di vitello, pollame arrosto, carne di cacciagione come il fagiano o il cinghiale anche al sugo, si sposano molto bene con la pastosità e il grado alcolico del vino anche il tacchino ripieno alla piemontese (con verdure, castagne e rosmarino).

La temperatura e il bicchiere di servizio sono rispettivamente tra i 16° o 18° massimo, in calice ampio e alto, adatto ai vini rossi. Deve essere servito dopo almeno tre anni di invecchiamento (giovane), con il trascorrere degli anni il vino piemontese si affina e permette di cogliere le proprie particolarità organolettiche sempre con maggior precisione ed enfasi (affinamento massimo 4/5 anni dalla vendemmia).

 

Le migliori annate, classificate eccellenti, per questo vino rosso sono quelle del 2008 e 2009. Così come anche quelle del 2011 e 2012. Non viene segnalata un’annata qualitativamente inferiore rispetto alle altre, in quanto dal 2000 al 2013 sono tutte state classificate come buone annate, con eccezioni verso l’eccellenza per quelle appena citate.

Vieni a scoprire tutti i vini del Nebbiolo sul sito della nostra enoteca on linee, sono catalogati per Regione e per tipologia, sarà facile trovarli su Negoziodelvino.