Hai scelto
Modifica le tue scelte
Carta dei vini

Descrizione generale di vino e territorio Riesling

Il Riesling Lombardo che puoi trovare sulla nostra enoteca online, è un particolare e raro vino bianco di origine incerta che, quando coltivato e prodotto nell’Oltrepò Lombardo e soprattutto in provincia di Pavia assume un caratteristico sapore secco, fresco, gradevole, armonico ed elegante.

Non va confuso con il Riesling Renano, con cui divide il nome, ma con il quale non ha vincoli di parentela. Inoltre, se il Renano è un vitigno sicuramente tedesco, l’Italico ha origini incerte e, a dispetto della denominazione, non è probabilmente italiano. C’è anche chi gli ha attribuito parentele con il Greco di Tufo; altri sostengono che sia originario della regione della Champagne; altri ancora ritengono che arrivi da Germania e Ungheria.

L’Oltrepò Pavese Riesling Italico è ottenuto dalla vinificazione dell’omonimo vitigno, che deve essere presente nell’uvaggio per almeno l’85%. Eventualmente l’uvaggio, quando non puro al 100% può essere completato da uve Riesling Renano, oppure Pinot Nero vinificato in bianco, Pinot Grigio e Pinot Bianco che possono coprire al massimo il 15%. Viene prodotto anche nelle versioni Frizzante e Spumante.

Il vitigno Riesling Italico, nonostante il nome, si dice sia di origine francese, e da qui in seguito approdato in Germania ed in molti altri paesi del centro Europa. Il suo nome in tedesco è Welschriesling, dove il prefisso "Welsch-", letteralmente "di origine latina", può essere estensivamente interpretato come "italiano" (da cui Riesling Italico) ma anche "francese", e stava a sottolineare la differenza con il Riesling originario, ossia quello Renano. La sua diffusione in Italia è decisamente posteriore, probabilmente in epoca post-filosserica, ma comunque non prima dell'inizio del '900, in quanto anteriormente a tale periodo non si trova alcuna testimonianza relativa alla presenza di questo vitigno nella penisola. Si dice sia stato importato nelle regioni del nord-est d'Italia durante il dominio austroungarico, proveniente dalla zona della attuale Repubblica Ceca. Notevoli sono le differenze tra il Riesling renano e il Riesling italico, sia dal punto di vista ampelografico (grappolo e foglia) che per quanto riguarda il vino ottenuto, che nel caso del Riesling italico è più beverino, se confrontato con i toni più aristocratici del Riesling renano. L'uvaggio dei due, in qualsivoglia proporzione, dà sempre risultati di gran classe.

Vini affini e prodotti con le stesse uve Riesling

il vitigno Riesling Italico può rientrare nell’uvaggio delle seguenti tipologie: Oltrepò Pavese Riesling Italico (min. 85%), Oltrepò Pavese Riesling (max 15%), Oltrepò Pavese Cortese (max 15%), Oltrepò Pavese Malvasia (max 15%), Oltrepò Pavese Sauvignon (max 15%).

Le uve con le quali si produce il vino Riesling

Anche per questo vitigno l’Oltrepò può vantare il primato nazionale di coltivazione. Il Riesling italico è, infatti, una tra le varietà più diffuse nella zona. Si coltiva un po’ dappertutto, anche se le maggiori concentrazioni si ritrovano nella zona di media collina della fascia centro orientale (Valle Versa, Valle Scuropasso, Mornico Losana, Oliva Gessi, Montalto Pavese). Vitigno di medio vigore, con produzioni buone e costanti, preferisce climi asciutti e terreni non troppo umidi e possibilmente collinari altrimenti si avrebbero maturazioni troppo ritardate e maggiori rischi di attacchi di botrite oppure una rapida evoluzione degli acidi e di conseguenza mosti poveri di acidità.

Si adatta alle diverse forme di allevamento e potatura purché non troppo espanse e ricche. Il germoglio è ad apice espanso, verde-biancastro, vellutato, con foglioline apicali spiegate, biancastre, cotonose. La foglia adulta è di grandezza media, intera o trilobata. La pagina superiore è verde chiara, liscia, priva di peluria, quella inferiore verde-grigiastra per il tomento diffuso su tutta la superficie. Il grappolo è medio o piccolo, cilindrico, spesso alato. L’acino è medio, di forma sferoide con buccia di colore giallo più o meno carico a seconda dell’umidità del terreno e dell’esposizione solare. La consistenza è buona e la polpa è succosa di sapore dolce e semplice.

Analisi del vino Riesling

L’esame visivo denota una colore giallo paglierino, con riflessi verdolini accentuati dall’osservazione alla luce natrurale.

Lesame olfattivo evidenzia il caratteristico e gradevole profumo che ricorda la mela. Ampiamente fruttato, con note di mela cotogna ed albicocca. Nelle versioni giovani sono frequenti i lievi sentori minerali.

Il gusto evidenzia il sapore fresco e secco, gradevole rotondo e asciutto; con medio corpo e con leggero retrogusto amarognolo.

Abbinamenti Riesling

Si accompagna con i piatti della cultura Padana, brodi di pasta e di carne ma anche con tortini di verdure, risotto ai funghi, filetto di pesce persico al vino bianco, preparazioni a base di pesce, salame e prosciutto d’oca, prosciutto crudo, Salame di Varzi, risotto alla certosina, zuppa alla pavese.

Si deve servire fresco alla temperatura massima di 16 gradi centigradi in bicchieri tulipano oppure affusolati per permettere la concentrazione dei sentori e dei profumi.

Sulla nostra enotecaonline potrai trovare numerose selezioni di vini bianchi e rossi, organizzati per tipologia o per regione. Sarà facile cercarli e tutti sono caratterizzati da un ottimo rapporto qualità prezzo.