Hai scelto
Modifica le tue scelte
offerte e novità
Carta dei vini

Vini Barbaresco

Il Barbaresco è considerato uno dei vini rossi più importanti Italiani.

Il Barbaresco è un vino Piemontese che viene prodotto nei comuni di Barbaresco, Treiso Neive e in alcune zone di Alba.

Le uve utilizzate per la sua produzione sono tra le migliori dei vitigni Nebbiolo.

Questo vino assieme al Barolo rappresenta la massima espressione dell’enologia piemontese.  

Questo grande vino rosso Italiano si presta ad un lungo invecchiamento, tanto che si consiglia di degustarlo solo dopo 4 anni dalla vendemmia cosi da apprezzarlo al massimo della suo sapore. Le migliori annate si prestano a lunghi invecchiamenti che arrivano anche a 40 anni.

Le caratteristiche del vino Barbaresco

Alla vista il Barbaresco è caratterizzato da un colore granato che con il passare degli anni avrà un numero sempre maggiore di riflessi arancio.

Al Palato risulta corposo, secco, morbido con piacevoli note tanniche dovute al lungo invecchiamento che il vino fa in botti, conferendogli una notevole struttura.

Al naso il Barbaresco stupisce per la varietà di aromi che possiamo sentire; i profumi ricordano cacao, vaniglia, lamponi, cannella, more e frutta matura.

Questo eccellente vino rosso si abbina a primi e secondi “importanti” come pappardelle al cinghiale, tagliatelle ai porcini,  arrosti, carni in umido, formaggi rigorosamente stagionati; è importante ricordare che il Barbaresco accompagna egregiamente gran parte dei piatti storici della cucina piemontese caratterizzati da carni rosse e dal rinomato Tartufo d’alba.

Per degustare al meglio il Barbaresco DOCG si consigliano calici ampi cosi che il vino si possa ossigenare al meglio ed esprimere al massimo i suoi profumi.

La temperatura di servizio è di 18-20°C.

Si consiglia di aprire e far decantare il vino almeno un’ora prima, per le annate notevolmente invecchiate si consiglia una decantazione di 2-3 ore.

Le migliori annate degli ultimi 30 anni di questo vino sono: 1985, 1988, 1989, 1990, 1996, 1997, 1998, 1999. 2001, 2004, 2008 e 2010.

 

E’ importante sapere che:

Da disciplinare il Barbaresco deve tassativamente aver un invecchiamento di 2 anni, uno dei quali devono esser in botti di rovere o castagno.

Il Barbaresco Riserva deve aver un invecchiamento di 4 anni, 2 dei quali devono esser in botti di rovere o castagno.