Hai scelto
Modifica le tue scelte
offerte e novità
Carta dei vini

Descrizione generale di vino e territorio del Verduzzo Friulano Doc

Il Vitigno che poi dà il nome al fantastico vino Bianco Verduzzo Friulano DOC, viene coltivato nel Friuli, in Provincia di Udine da ormai più di un secolo. Già negli scritti dell’Acerbi che risalgono al 1825 che cita il vino con il nome "Verduz". L’allora “Verduz” fu poi inserito nel Bollettino Ampelografico del 1879 tra le uve bianche del Friuli. Successivamente Il Poggi nel 1939 citava il nome di un vino “Verduzzo” di colore giallo affiancato da un’altra tipologia di Verduzzo “Verde” che oggi però si è estinto. Il Perusini nel 1935 individua anche una varietà a grappolo semispargolo, nominata Verduzzo “raçsie”. Purtroppo anche di questa tipologia di vino si sono perse le tracce. Esiste anche un'altra tipologia di Verduzzo, il “Verduzzo Trevigiano”, vitigno che ha la forma della foglia e del grappolo diverse rispetto a quello friulano. Anche le orgini sono diverse dalla varietà Firulana ed è meno importante dal punto di vista del prestigio enologico e dal punto di vista della diffusione territoriale.

Il vitigno del Verduzzo Friulano se coltivato nelle terre del Grave ed in altre zone pianeggianti circostanti, produce un vino secco e profumato, con note fruttate intense. Mentre, se coltivato sui colli orientali permette di essere utilizzato per la produzione di vini dolci che hanno anche una buona predisposizione all'invecchiamento, oltre che una buona persistanza del gusto.

 

Le uve con le quali si produce il vino Verduzzo Friulano Doc

Il Verduzzo Friulano DOC è un vitigno autoctono. Il suo prestigio è diffusamente riconosciuto e affonda le proprie radici nella storia, infatti, si tratta di un vino menzionato già nel Quattrocento, che veniva servito in occasione del Concilio Generale della Chiesa tenutosi a Cividale. Attualmente però esistono due “versioni” che ripercorrono, grazie alla loro percettibile qualità e tradizionalità le usanze di un tempo. La prima versione, prodotta dalla uve coltivate principalmente in aree pianeggianti, che produce un vino fresco, giallo paglierino e facilmente abbinabile ai piatti della tradizione culinaria locale. Il secondo coltivato invece nelle zone più collinari del Friuli, vicino ad Aquileia, che però offre proprietà organolettiche più facilmente abbinabili ai dolci. In definitiva si segnala che il vino Verduzzo Friulano DOC si ottiene dalle uve dell’omonimo vitigno vinificato con almeno il 90% di uve di Verduzzo Friulano.

L’antico procedimento, che tutt’oggi caratterizza la produzione di questo fantastico vino Bianco del Friuli che puoi trovare sulla nostra enoteca on line ad un prezzo eccezionale, prevede che le uve, dopo appassimento naturale vengono pigiate e raffreddate ad una temperatura di almeno 8° centigradi. A tale temperatura il moto viene mantenuto per 24 ore, in modo tale da consentire una estrazione maggiore dei precursori aromatici che poi andranno a costituire le proprietà del vino stesso. A questo passaggio segue la pressatura soffice. Il mosto infine viene fatto fermentare in botti di acciaio inox per circa 10 giorni.

Le caratteristiche varietali del vitigno di Verduzzo Friulano, evidenziano una foglia di media grandezza di forma orbicolare. Il grappolo è piccolo e ha una forma piramidale grazie all’ala pronunciata. In quanto a consistenza è molto compatto. L’acino, di medie dimensioni è di forma ellissoidale e la sua buccia, intensamente pruinosa protegge una pelle coriacea e consistente. Il colore è giallo tendente al verde, simile all’erba di campo. Tende a dorarsi nei punti che sono più esposti al sole.

In termini di produzione il vitigno di Verduzzo Friulano ha una buona vigoria e, l’epoca di maturazione che tendenzialmente si registra è medio-tardiva, restituendo in termini di quantità una produzione buona e costante durante tutto il periodo di raccolta che all’incirca è compreso tra la fine di settembre e la metà di ottobre. Per quanto riguarda l’allevamento il vitigno Verduzzo Friulano predilige terreni collinari con buona esposizione, poco fertili e un clima asciutto. Viene in genere allevato a media espansione, con potatura medio-lunga. Il vitigno Verduzzo infatti tende a prosperare sulle posizioni collinari che hanno una buona esposizione al sole. Le particolari condizioni climatiche di nicchia, che garantiscono l’arrivo tardivo delle piogge, permette una tardiva maturazione e un più ampio margine di tempo per raggiungere piena maturità fisiologica dell’uva.

 

Analisi del vino Verduzzo Friulano Doc

 

Alla Vista il Verduzzo Friulano

All’esame visivo il Verduzzo Friulano DOC si presenta con un colore Giallo dorato ed intenso che a seconda del grado di invecchiamento tende ad esprimere con riflessi più o meno ramati.

 

A naso questo vino Verduzzo Friulano

All’olfatto il profumo è intenso, fruttato con forti note di pera e mela che si sprigionano lungamente. Si percepicono bene anche i sentori di frutta come la pesca noce e l’albicocca. Di frutta primaverile in generale.

 

Al palato il Verduzzo Friulano

L’esame gustativo evidenzia un buon corpo ed un’eccellente struttura caratterizzata anche da una notevole persistenza. La dolcezza avvolgente degli zuccheri viene mitigata dal sentore tannico tipico del vitigno, che lo rende intrigante e mai stucchevole.

 

 

Abbinamenti consigliati con il Verduzzo Friulano Doc

La temperatura a cui deve essere servito il Verduzzo Friulano DOC è di 12° gradi centigradi, in modo da garantire un giusto compromesso tra vino bianco da servire fresco e sentore zuccherino che il vino stesso esprime.

Il Verduzzo Friulano è decisamente un vino da pasticceria secca, ma anche da antipasti caldi e freddi a base di fegato d'oca, alla francese o con formaggi piccanti a pasta molle. Il verduzzo Friulano DOC è il tipico vino da dessert, in particolare si abbina con dolci della tradizione popolare come la Gubana o la Bisciola.

Altri vini della Regione Friuli meritevoli di essere assaggiati almeno una volta sono in provincia di Udine il Rosazzo, il vino COF Picolit e il Ramandolo; in provincia di Pordenone troviamo invece solo il Lison. Tutti caratterizzati dalla denominazione DOCG di Origine Controllata. L’offerta di DOC è senza dubbio più corposa e vede primeggiare a livello nazionale il classico Prosecco, il Friuli Colli Orientali, il Friuli Grave, il Lison Pramaggiore il Friuli Latisana, il Friuli Annia, il Collio, il famosissimo Friuli Aquileia, il Friuli Isonzo e il Friuli Carso. Per la categoria IGT si possono invece citare solo due denominazioni che sono l’Alto Livenza IGT e il Venezia Giulia IGT oppure chiamato anche delle Venezie IGT.

Vieni a scoprirne caratteristiche e prezzo sulla nostra enoteca on line negoziodelvino, sarà facile perché sono catalogate per regioni, per tipologia e per prezzo.