Tenuta Luisa

Cantina Tenuta Luisa

 

La Cantina Tenuta Luisa nasce oltre 80 anni fa, quando Francesco Luisa, vedovo all’età di 37 anni e con sei figli, acquista 5 ettari di terra. Da qui nasce la storia dei Luisa di Corona, col figlio Delciso che subentrò  al padre , e la figlia Eddi che a soli 13 anni con determinazione entrò  in azienda accanto al padre. Ancora oggi, Eddi affianca i figli Michele, enologo e Davide, perito agrario.  Sono due generazioni a confronto che uniscono , nel rispetto del prodotto e del territorio, tradizione  e costante ricerca nell’innovazione.

L’entusiasmo ed il coraggio unito ad una grande lungimiranza hanno portato la tenuta Luisa ad una costante crescita negli anni fino a raggiungere oggi 75 ettari di terreno coltivato a vite.

Proprietario:
Eddi Luisa
Enologo:
Michele Luisa
Regione:
Friuli Venezia Giulia
Anno di fondazione:
1927
Vini prodotti:
Pinot Bianco, Chardonnay, Traminer Aromatico, Sauvignon, Pinot Grigio, Ribolla Gialla, Refosco, Friulano, Merlot e Cabernet Sauvignon.
Bottiglie totali prodotte:
350000
Ettari vigne:
85 ha
Indirizzo:
Mariano del Friuli (GO) Via Campo Sportivo 13
Sito web:
http://www.tenutaluisa.com/

Intervista al produttore

Quali sono i progetti futuri della vostra cantina?

I progetti sono tutti collegati ad un obiettivo comune che è l’implemento continuo della qualità:

-       Sempre più attenzione all’ambiente e alla naturalità dei vini: utilizziamo i pannelli solari per produrre energia e utilizziamo al minimo i trattamenti chimici. Per contro utilizziamo la lotta integrata con gli insetti. La nostra uva è talmente sana che possiamo utilizzare pochissimi solfiti: tra 60 e 80 mg/l quando la legge sul biologico in Italia consente fino a 150 mg/l.

-       Miglioramento delle tecnologie per produrre vini ancora più naturali: abbiamo recentemente acquistato una pressa che, durante la pressatura dell’uva, anziché introdurre ossigeno, introduce azoto. In questo modo evitiamo le ossidazioni e possiamo utilizzare una quantità ancora più limitata di solfiti.

-       Sperimentazione sulla linea premium I Ferretti per ottenere dei vini particolarmente longevi, con uno stile simile alla Borgogna, ma ad un prezzo molto più accessibile.

 

Per voi quanto è importante accrescere sempre di più la qualità dei vini da voi prodotti?

Il vino deve essere una bevanda naturale e salutare. Ecco perché produciamo il vino con uve provenienti solo dai nostri vigneti. Lotta integrata con gli insetti, basse rese per ettaro (solo 1,2 kg uva per pianta!), utilizzo di energia solare, basso uso di solfiti ci portano a produrre vini che rispettano la natura e la salute di chi li beve.


Se dovessi convincere un cliente ad acquistare un vostro vino cosa gli diresti?

Di venire in azienda e di toccare con mano il nostro lavoro: dai campi, dove produciamo solo 1Kg/Max 1,5Kg di uva per pianta, alla cantina dove vigono una pulizia ferrea ed un controllo computerizzato di tutte le cisterne. Avete notato che la corona della nostra etichetta riporta il volto di noi proprietari? Io, con i miei figli Davide e Michele, garantisco in prima persona la qualità dei nostri vini.


Cosa è la cosa che preferisci del tuo lavoro? E qual è la cosa che meno ti piace?

Mi piace controllare i vigneti ogni mattina e seguire meticolosamente lo sviluppo della vite. Mi fa piacere ospitare i consumatori in azienda per far toccare loro con mano la qualità e l’impegno del nostro lavoro. Perché in Tenuta Luisa si arriva da clienti ma si riparte da amici!

Mi piace meno seguire gli aspetti burocratici. Oggi lavorare in Italia è sempre più difficile. Sono per la logica di “Meno carte, più trasparenza e impegno da parte di tutti”.

 
Ti telefona il primo ministro e ti chiede un tuo vino per una cena molto importante, che vino gli consiglieresti e perchè?

Desiderium I Ferretti, perché è un vino raffinato, ma allo stesso tempo incontra il gusto di tutti. Prodotto solo in 2000 btg/anno, è frutto di un uvaggio di chardonnay, friulano e sauvignon. Lo chardonnay affina in tonneaux da 500 l, mentre friulano e sauvignon vengono vinificati in acciaio. Il risultato è un vino speciale, perfettamente equilibrato, che ben bilancia il gusto vanigliato dello chardonnay con quello fresco e fruttato di friulano e sauvignon.

Desiderium è perfetto con un risotto agli asparagi, ma anche con delle linguine con olive taggiasche, pomodori pachino e scampi e, perché no, con un rombo al forno accompagnato da patate novelle. 

 

Se dovessi dare una consiglio a tutte le cantine della tua zona di produzione cosa diresti? 

Il Friuli Venezia Giulia produce solo il 2% della produzione nazionale ed è sconosciuto all’estero. Eppure è riconosciuto come la regione più qualificata nella produzione die vini in Italia! Spesso è confuso con il Veneto che produce il 20% della produzione nazionale ed ha una filosofia produttiva molto diversa dalla nostra. Dovremmo quindi promuovere maggiormente il nostro territorio non solo attraverso fiere e degustazioni, ma coinvolgendo di più la Regione per promuovere il turismo e portare i consumatori alla scoperta dei vini e del territorio. 


Negli ultimi anni il mercato web è in forte espansione, le enoteche online si stanno sempre più facendo strada; come vedete questa novità di mercato?

Internet sta cambiando il mondo degli acquisti, dell’acquisizione delle conoscenze e dei modelli di socializzazione. Pensare di non cavalcare questo mezzo sarebbe ottuso. Intenet non è il futuro. E’ già il presente!

 
Come mai avete deciso di affidare la vendita di vini online all'enoteca Negoziodelvino?

Giuseppe, il titolare, è un uomo dinamico, preparato, propositivo ed affidabile. Le sue logiche coincidono con le nostre e pertanto abbiamo deciso di attivare questa sinergia.

 

Qual è il vino che vuoi consigliare ai clienti online di Negoziodelvino e perché lo consigli?

Non esiste un vino in assoluto. I vini si scelgono in funzione dei momenti, della compagnia e degli abbinamenti.

Oltre a Desiderium, il sauvignon di Tenuta Luisa è il mio preferito. Ma perché non scoprire gli autoctoni come il friulano, la ribolla e il refosco? Il friulano è versatile, si abbina dal San Daniele, ai piatti a base di verdure, al pesce e alle carni bianche. La ribolla è perfetta con il pesce e con i fritti di verdura. Il refosco, tannico e fresco, va bene con piatti di carne succulenti e grassi o con formaggi stagionati.

Se non avete mai assaggiato il nostro pinot bianco, ve lo consiglio: raffinato e delicato, è un vino molto elegante.

Ma se volete essere stupiti, provate il nostro cabernet franc. Il Friuli è conosciuto per i bianchi, ma la nostra DOC Isonzo è rinomata anche per i rossi grazie al terreno ricco di minerali che conferiscono un gusto eccezionale ai vini rossi. 

Vini della cantina Tenuta Luisa